2019-2018 INCLUSION/EXCLUSION

César Meneghetti together with 52 artists from the Art Workshops of the Community of Sant’Egidio make their voices through on worrying themes affecting not only Italy but the whole world. Inclusion/Exclusion is an exhibition probing the space of collective emotions, vis a vis the paradoxes of contemporaneity. The pieces exhibited place themselves at the end of a thorough  process of training and deepening. Meneghetti once again entangles his work with theirs: the dialogic and educational encounter with the artist starts a process of co-responsibility and two way participation. The social and cultural representation and transformation of the surrounding world got strengthen, as much as the action of the Art Workshops towards a freed creativity. In the Art Workshops of the Community of Sant’Egidio people with disability implement their own truth and their thoughts. As they are freed from the process of exclusion and denial, they understand and represent the exclusion of others, being aware of the means available from generations of artists. Inclusion only opens to a new, braver and more humane possibility of future.

César Meneghetti e 52 artisti dei Laboratori d’Arte della Comunità di Sant’Egidio fanno giungere la loro voce su temi che inquietano e che interessano non solo l’Italia ma il mondo intero. Inclusion/exclusion  è una esposizione  che sonda il territorio delle emozioni collettive di fronte ai paradossi della contemporaneità: isolamento/integrazione, indifferenza/solidarietà, respingimento/accoglienza, paure/dialogo. Le opere in mostra si collocano al termine di un lungo processo di formazione e approfondimento. Meneghetti ancora una volta intreccia la sua opera con la loro: l’incontro dialogico e formativo con l’artista mette in moto un processo di corresponsabilità e partecipazione a doppio senso. Si sono potenziati così il lavoro di rappresentazione e trasformazione sociale e culturale del mondo circostante e l’azione dei Laboratori verso una liberata creatività. Nei Laboratori d’Arte della Comunità di Sant’Egidio le persone con disabilità, mettono in opera la loro verità e il loro pensiero. Sottratte ai processi di esclusione e di rifiuto sono liberate e, consapevoli di tutti i mezzi resi disponibili da generazioni di artisti, comprendono e rappresentano l’esclusione degli altri. Solo l’inclusione apre a un’altra più coraggiosa e umana ipotesi di futuro. 

César Meneghetti e 52 artistas dos Laboratórios de Arte da Comunidade de Sant’Egidio fazem chegar à luz alguns temas e questões inquietantes, que afetam não só a Itália, mas o mundo inteiro. Inclusion/Exclusion é uma exposição que explora o território das emoções coletiva, face aos paradoxos contemporâneos: isolamento / integração, indiferença / solidariedade, rejeição / aceitação, medos / diálogo. As obras expostas se colocam ao final de um longo processo de formação e aprofundamento. Meneghetti mais uma vez entrelaça seu trabalho com o deles: o encontro dialógico e formativo com o artista põe em moto um processo de corresponsabilidade e participação de duas vias. Deste modo, o trabalho de representação e transformação social e cultural do mundo circundante e a ação dos Laboratórios para uma criatividade liberada foram fortalecidos. Nos Workshops de Arte da Comunidade de Sant’Egídio, as pessoas com deficiência implementam a sua verdade e o seu pensamento. Subtraídos dos processos de exclusão e rejeição são liberados e, conscientes de todos os meios disponibilizados por gerações de artistas, compreendem e representam a exclusão de outros. Só a inclusão abre uma outra hipótese, mais corajosa e humana, de futuro.

 

 

 

_GB10572MEWE2_MANC1408_GB10583INVITO-NEWEB-28112018

BORDERLANDS – v. 07

The INCLUSION / EXCLUSION exhibition invites the public to reflect through the art, on one of the most critical issues of the contemporary world, the processes of exclusion and inclusion. The intrinsic concept of the exhibition – and of my working experience in the artwork-process-relational I\O[1]- is concentrated in the installation ME / WE. On two mirrored surfaces, each of which includes the same letters, the same size, the same colours, we read ME on one side, and WE on the other. These two words are invested by a directional light that reflects on the floor and on the reverse side the word on the opposite side. The directional light “of inclusion”, in ME, reflects and becomes WE and in WE reflects and becomes ME. The mirrors in which the visitor narcissistically sees his own reflected image, at the same time, guide him towards a symbolic “reflection” that leads us to consider others as ourselves (or otherness). This so evident message, against the trend, is also the same message that is repeated and extends to the whole exhibition, in every work, in every action. The statement by ME / WE is categorical: we are unique individuals, but at the same time we are united, interconnected and our life and happiness also depend on the happiness of each of the 7 billion co-tenants of this planet. And it is a message launched by 66 disabled artists who have experienced a process of exclusion before and later inclusion.

With the experimental intensity of the various media in art, the 25 works exhibited in “INCLUSION / EXCLUSION” show us poetically how exclusion can create an inclusive antithesis. Disabled artists do not work thinking about fame or their self-interest. Their glance combined with mine turned to facts and images that sensitized us, influenced us and produced a change of thought and language.

The exhibition opens with the video installation BORDERLANDS that is the fruit of the union of the look on the world of a small team of disabled artists who ‘boarded’ in the construction of 3,139 paper boats as many as were the deaths at sea, in just one year, of those people who tried to cross it guided by the hope of a different and better life. A poetic and vain attempt to save these lives, from drowning and oblivion. And of my look, close as it is to my previous work BELOVED ONES, a work in empathy with the immigration path of my Italian and Austro-Hungarian ancestors who have embarked on Brazil 100 years ago. A path that coincides with the feeling of despair and loss that the experience of geographical movement involves.

In a gigantic projection of a gloomy sea, 3,139 names appear and disappear, a single and immobile view of the sea at the level of the travellers that lasts 10 minutes. It is not a true sea. It is a realistic, digital sea, created masterfully by Fabio Massimo Iaquone, made up of numbers, one and zero. An intentional allusion to the numerical age, algorithms, deterministic, probabilistic, randomic processes where the image deceives us, where nothing is real but everything is the result of homologated and acetate fictions. The dull sound, almost silent, solemn, created by sampling various sounds from Tiberio Pandimiglio, wants to open in this fictitious sea, in this “non-place” – something between the written word and the silence – a gap, an open area like the hope that was there before. And perhaps it wants to be a call to attention to the unlimited mutism in which we apparently bury ourselves.

BORDERLANDS explodes in these four almost static elements: the sequence plan, the sound, the names, the small boats: an anti-narration, an imposing presence that signals that these people no longer exist but are not anonymous at all.

The third proposed work, the video EXCLUSION / INCLUSION conveyed on a 5-meter LEDWALL, one of those used in outdoor environments for advertising and brought into the Museum is a provocation to the consumer society, to fictitious values, and not. The video begins with a series of images of war, bombings, refugee camps, barges that are mixed with slogans that we see subliminally and that are opposed in semantic content. Starting from the middle, the noise and the electronic noise dissolve and the video leads us on a dazzling white background where we catch a glimpse of two arms that dialogue through the performance movement. A white arm, a black one, a normal one, the other disabled, that eventually intertwine and become sociality, exchange and solidarity in the “difficult art of dialogue”.

The essence of the whole exhibition “INCLUSION / EXCLUSION” reflects the tension of our world marked by economic, political, ethnic and religious conflicts. After the fountain by Marcel Duchamp who states that everything is art, after the statement by Joseph Beuys that we are all artists, here we affirm that art can not exclude anything or anyone, not even the voice of disabled artists who deny the impotence of thought make us perceive a world and obvious solutions, that we can no longer see harnessed as we are by our daily “fictions”. Their special sensitivity can add important information to compose a more complete picture of our contemporaneity. And Art in this exhibition is no longer just a representation, but a pliable space between life and death, between the North and the South of the world, between rich and poor. It is the BORDERLAND itself, something that can help us to build a more sustainable, more humane future hypothesis.

 

ZONA DI CONFINE – v. 07

La mostra INCLUSION/EXCLUSIONinvita il pubblico a riflettere attraverso l’arte, su una delle questioni più critiche del mondo contemporaneo, i processi di esclusione e di inclusione. Il concetto intrinseco della mostra ‒ e del mio vissuto operativo nell’opera-processo-relazione I\O[1]‒ si concentra nell’opera ME/WE. Su due superfici a specchio, ognuna delle quali comprende le stesse lettere, la stessa misura, gli stessi colori, leggiamo ME (IO) da un lato, e WE (NOI) dall’altro. Queste due parole vengono investite da una luce direzionale che riflette sul pavimento e al rovescio la parola del lato opposto. La luce direzionale “dell’inclusione”, in ME, riflette e diventa WE e in WE riflette e diventa ME. Gli specchi nei quali il visitatore vede narcisisticamente la propria immagine riflessa, allo stesso tempo lo guidano verso una ‘riflessione’ simbolica che porta a considerare gli altri come noi stessi. Questo messaggio così ovvio, così contro tendenza, è anche lo stesso messaggio che si ripete e si estende a tutta la mostra, in ogni lavoro, in ogni azione. L’affermazione di ME/WE è categorica: noi siamo individui unici, ma allo stesso tempo siamo uniti, interconnessi e la nostra vita e felicità dipendono anche dalla felicità di ognuno dei 7 miliardi di co-inquilini di questo pianeta. Ed è un messaggio lanciato da 66 artisti disabili che hanno vissuto un processo di esclusione prima e inclusione dopo.

Con l’intensità sperimentale dei media dell’arte, le 25 opere esposte in “INCLUSION/EXCLUSION” ci mostrano poeticamente come l’esclusione possa creare un’antitesi inclusiva. Gli artisti disabilinon lavorano pensando alla fama o a un loro tornaconto. Il loro sguardo unito al mio si è rivolto a fatti e immagini che ci hanno sensibilizzato, ci hanno influenzato e hanno prodotto un mutamento di pensiero e di linguaggio.

La mostra si apre con la video installazione BORDERLANDSche è il frutto dell’unione dello sguardo sul mondo di una piccola squadra di artisti disabili che si è ‘imbarcata’ nella costruzione di 3.139 barchette di carta tante quante sono state le morti in mare, in un solo anno, di quelle persone che hanno provato ad attraversarlo guidate dalla speranza di una vita diversa e migliore. Un tentativo poetico e vano di salvare queste vite, dall’annegamento e dall’oblio. Edel mio sguardo, vicina com’è al mio precedente lavoro BELOVED ONES, un’opera in empatia con il percorso di immigrazione dei miei antenati italiani e austro-ungarici che 100 anni fa si sono imbarcati verso il Brasile. Un percorso che coincide con il sentimento di disperazione e di perdita che l’esperienza dello spostamento geografico comporta.

In una proiezione gigantesca di un mare cupo, 3.139 nomi appaiono e scompaiono, un’unica ed immobile inquadratura del mare all’altezza dei viaggiatori che dura 10 minuti. Non è un mare vero. È un mare realistico, digitale, creato magistralmente da Fabio Massimo Iaquone, fatto di numeri, di uni e di zeri. Una intenzionale allusione all’era numerica, degli algoritmi, dei processi deterministici, probabilistici, ramdomici dove l’immagine ci inganna, dove niente è reale ma tutto è frutto di finzioni omologate e acetate. L’audio sordo, quasi silente, solenne, creato da campionamento di vari suoni da Tiberio Pandimiglio, vuole aprire in questo mare fittizio, in questo “non luogo” ‒ qualcosa tra la parola scritta e il silenzio ‒ un varco, una zona aperta come la speranza che prima c’era. E forse vuole essere un richiamo all’attenzione verso il mutismo illimitato nel quale evidentemente ci seppelliamo.

BORDERLANDS esplode così in questi quattro elementi quasi statici: l’immagine sequenza, il suono, i nomi, le piccole barche: un’anti-narrazione, una presenza imponente che ci segnala che queste persone non esistono più ma non sono affatto anonime.

Il terzo lavoro proposto, il video EXCLUSION/INCLUSIONveicolato su una parete di 5 metri di pannelli a led, di quelli usati in ambienti esterni per le pubblicità e portato all’interno del Museo è una provocazione alla società dei consumi, ai valori fittizi, e non. Il video inizia con una serie di immagini di guerra, bombardamenti, campi profughi, barconi che si mescolano a parole d’ordine che vediamo subliminalmente e che si contrappongono in contenuto semantico. A partire dalla metà, i rumori e i disturbi elettronici si dissolvono e il video ci conduce su uno sfondo bianco abbagliante dove intravediamo due braccia che dialogano attraverso il movimento performativo. Un braccio bianco, uno nero, uno abile, l’altro disabile, che alla fine si intrecciano e diventano socialità, scambio e solidarietà nella “difficile arte del dialogo”.

L’essenza dell’intera mostra “INCLUSION/EXCLUSION” riflette la tensione del nostro mondo segnato da conflitti economici, politici, etnici e religiosi. Dopo la fontana di Marcel Duchamp che precisa che tutto è arte, dopo l’affermazione di Joseph Beuys che tutti siamo artisti, in questa sede affermiamo che l’arte non può escludere niente e nessuno, nemmeno la voce degli artisti disabiliche negando l’impotenza del pensiero ci fanno percepire un mondo e soluzioni ovvie, che non riusciamo più a vedere imbrigliati come siamo dalle nostre “finzioni” quotidiane. La loro speciale sensibilità può aggiungere informazioni importanti per comporre un quadro più completo della nostra contemporaneità. E l’Arte in questa mostra non è più soltanto una  rappresentazione, ma uno spazio plasmabile tra la vita e la morte, tra il Nord e il Sud del mondo, tra ricchi e  poveri. È la ZONA DI CONFINE stessa, qualcosa che ci può aiutare a costruire una più sostenibile, più umana ipotesi di futuro.

 

Advertisements